Lunedì, 14 Settembre 2015 04:03

Non tutte le ossidazioni vengono per nuocere

Scritto da 

La Ribolla di Fiegl non esce con tonalità struggenti, non trascorre epoche a contatto con le bucce, non giace sepolta in anfore ad aspettare il suo nuovo domani, nulla. La Ribolla di Fiegl fa soltanto qualche mese in acciaio prima del mercato, dove si presenta con un giallo vivo, un naso fragrante di frutta ed una mineralità vivace. Insomma non nasce per impressionare ma soltanto per essere bevuta con estrema soddisfazione delle fauci.

La Ribolla di Fiegl in foto è del 2011. Ed è evidentemente ossidata. Ma la sorpresa è che Il bicchiere arancione libera un naso di miele e fichi secchi; la bocca si riempie di un grasso succo che lascia una piacevole nota di caramello come ricordo. Sembra come se il vino sia salito ad un livello superiore, dove tutte le sensazioni organolettiche sono state evidenziate dalla nota ossidativa. Impressionando, questa volta sì, per la sua ancora intatta facilità di bevuta nonostante un'opulenza gusto-olfattiva.

Predico il verbo della "buona ossidazione" ormai da anni. Naturalmente non tutti i vini possono permetterselo. Ed incontrarne uno che ha potuto è sempre un grosso piacere, mentale e fisico. Fisico per quanto sopra. Mentale perchè mi riconducono ad una tipologia di vino che qualcuno direbbe del contadino - io direi semplicemente di mio padre (che effettivamente era un contadino). Utilizza metodologie di lavorazione sicuramente ben distanti dall'enologia più purista, ma che assicurano che il vino, nell'imperfezione, si caratterizzi per esprimere ciò che veramente piace, in primis, a lui.

Nel caso della Ribolla, nel bicchiere troviamo un vino nato grazie alle migliori accortezze dell'enologia moderna. Ma ormai al crepuscolo, nel suo ultimo istante, non vuole restare su binari fissati dal manuale del bravo enologo. Deraglia, seguendo strade sterrate, piene di insidie. È come se il vino stesso si fosse ribellato alle costrizioni sensoriali politicamente corrette - questo è giusto, questo un po' meno, questo per nulla - per tornare ad essere non perfetto, ma altrettanto buono.

La bella Ribolla si è trasformata in Bestia, il Dottor Jekyll ha lasciato il posto a Mr Hide. Con le sue note positive da giovane, semplice (nel senso più nobile del termine) e gentile. Con le sue note positive da ossidata, prorompente e dannatamente stimolante, in bocca, ma soprattutto, in testa.

RibollaFiegl

Commenta questo articolo

Enrico Nera

Sono Enrico Nera, nasco in un piccolo paesino nella provincia sud di Roma il 6 settembre del 1980. Viti e botti entrano subito nella mia quotidianità. Come semplice bambino spettatore, guardo il lavoro di mio padre durante il susseguirsi della stagioni, dalla potatura invernale alla vendemmia autunnale. Ma la viticoltura necessita di forze, così inizio anch’io a dare il mio piccolo contributo. Ricordo ancora le risate di mio padre e mio fratello mentre mi guardano andare su e giù tra i filari ancora troppo alti per me. Ricordo ancora quando con mio nonno Tito, munito di bastone come unità di misura, ponevo nel terreno alla giusta distanza le barbatelle che mio padre avrebbe in seguito piantato per dar vita al nuovo vigneto. Le fatiche, le delusioni, ma anche le soddisfazioni di oltre 20 anni di lavoro della terra sono un alternarsi di emozioni che creano un susseguirsi di amore e odio. Come tutte le cose realmente belle, la grande passione per il vino e  per la viticoltura in generale diventa consapevole in me soltanto quando la distanza mi ha permesso di rielaborare i ricordi. Arriva il corso da sommelier, nasce ParliamoDiVino.com, finalmente posso liberare le mie emozioni nascoste per troppi anni. 

Articoli correlati (da tag)

  • The smoky good. Un vino in anfora, un sigaro nel posacenere
  • Previsioni vinose: sciocchezze sparse con possibilità di forti baggianate
  • Le "patologie" del vino
  • Vino-Lok. Il tappo in vetro
Altro in questa categoria: « La Visciola. Un garagista a Roma

Persone in questa conversazione

  • Ospite - hoowei

    It had been cased within rolex replica or even flower precious metal in addition to a choice with regard to platinum eagle, also it definitely captured the interest of numerous rolex replica sale in america. It's call had been much less intricately comprehensive compared to which associated with Ref. 6511, but rather concentrated much more strongly upon additional aspects, in the band in order to bezel. Whilst rolex replica about the actual band, we ought to explain this had been the actual design which very first launched the actual now-famous rolex replica style. Many of these components the situation, band, as well as completing assisted this rolex replica sale research, created from 1960-1978 after which once again nicely to the 1990s, overcome the marketplace with regard to rolex replica sale along with times. It was the actual substance from the Rolex Day-Date, as well as potentially probably the most identifiable design actually created.

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters