Sottovalutare l’importanza che il web ha oggi per le cantine significa privarsi dell’arma più efficace per essere competitivi nel proprio mercato di riferimento.
Sabato, 06 Febbraio 2016 21:31

Riserva? Anche no, grazie

Scritto da
"Difficilmente rivedrete Barolo Burlotto con la dicitura "riserva". Per noi è una semplice parola vuota, che non assicura a chi il vino lo fa e, soprattutto, a chi il vino lo compra che in quella bottiglia troverà un liquido più «elevato»."
Lunedì, 14 Settembre 2015 04:03

Non tutte le ossidazioni vengono per nuocere

Scritto da
La Ribolla di Fiegl non esce con tonalità struggenti, non trascorre epoche a contatto con le bucce, non giace sepolta in anfore ad aspettare il suo nuovo domani, nulla. La Ribolla di Fiegl fa soltanto qualche mese in acciaio prima del mercato, dove si presenta con un giallo vivo, un naso fragrante di frutta ed una mineralità vivace. Insomma non nasce per impressionare ma soltanto per essere bevuta con estrema soddisfazione delle fauci.
Mercoledì, 19 Agosto 2015 03:34

Mi sono chiesto se fosse giusto parlare di Paola

Scritto da
Mi sono chiesto se fosse giusto. Mi sono chiesto se fosse il caso di parlare di un dramma in un blog che nel 99,99% delle volte parla di cazzate, senza girarci troppo intorno. Sì, perché una vendemmia, una cantina, un vino che piace a x ma non y, sono quisquilie davanti alla morte di una donna di 49 anni.
Venerdì, 19 Dicembre 2014 15:43

Il vino ai tempi di Google

Scritto da
Archiviato il 2014 è tempo di bilanci: gennaio, dopo le grande abbuffate natalizie, è il periodo dell'anno più adatto per capire come è andata e come potrebbe e dovrebbe andare; si guarda il passato con occhio critico, si progetta, o si tenta di farlo, il futuro. Gioie, delusioni e speranze spesso si intrecciano - qualche volta corrono parallele, altre volte si allontanano.
Domenica, 30 Novembre 2014 00:00

Giuseppino. La riscoperta dell'Io

Scritto da
Un buon libro ha molte affinità con un buon vino. Prima fra tutte, ambedue, per "funzionare", dovrebbero saper raccontare una storia (per un libro sembrerebbe scontato ma, ahimè, non è così). Inoltre un libro, come un vino, quando è "buono", inteso come piacevolezza nel leggerlo, ha una caratteristica semplice e facilmente riconoscibile: finisce in fretta. Andando oltre tutte le pippe mentali che un geek può farsi
"Ma perché il rum agricolo è migliore di quello industriale?" con questa domanda, passeggiando per New York, l’editore e amico Enrico mi spiazza un po' essendo diventato negli anni un grande amante di rum che agricoli non sono.
Domenica, 07 Settembre 2014 16:12

La Visciola. Un garagista a Roma

Scritto da
  Sembrerebbe il titolo di un film in bianco e nero di Alberto Sordi di fine anni settanta dove un buffo ragazzo non più tanto azzo trova lavoro come parcheggiatore in un garage della Capitale. Togliamo il film e teniamo il garage. Un garage che si trova a circa 50 chilometri a sud di Roma. Nelle colline che segnano il confine tra la provincia capitolina e quella di Frosinone. Siamo al Piglio, uno dei primi paesi ciociari che si incontrano provenendo da Roma, terra della DOCG Cesanese del Piglio.  
Mercoledì, 30 Luglio 2014 21:36

Abitudini alcoliche. Come e cosa bevono gli States

Scritto da
Il 29 luglio a firma di Roberto A. Ferdman il Washington Post ha pubblicato online "Where the biggest beer, wine, and liquor drinkers live in the U.S.", panoramica esaustiva sulle abitudini beverecce degli States (fonte The Beer Institute).
Il dilagare del celolunghismo nel vino (e nel cibo) mi ha stufato! Tutti pronti a sbandierarti in faccia quanto bevono e mangiano figo. Dalla bottiglia del contadino biodinamico per natura e non per scelta che produce una boccia per sé e l'altra per il blogger di turno, alla boccia del 1800 dello château du qualcosa; dal furgoncino che fa gli arrosticini di pecora nella piazza di Frattocchie, al tre stelle che ti fa mangiare "la lepre nel bosco" con tutto il sottobosco compreso in un unico piatto. Il tutto puntualmente e sistematicamente documentato da foto e recensioni. Nessuno frequenta più i McDonalds, nessuno beve più il Tavernello. Il mondo è salvo. Tutti mangiano e bevono da dio (scegliete voi quale).  
Pagina 1 di 44